Come Stipulare un Contratto di Subaffitto

Quando sei un inquilino di un appartamento e desideri cedere i diritti di cui godi a un’altra persona, devi necessariamente stipulare il contratto di subaffitto.
Ecco tutto quello che devi conoscere in merito a tale procedura affinché questa possa essere svolta senza alcun tipo di complicanze.

Valutare se è possibile sfruttare questo contratto

Prima di stipulare il contratto di subaffitto è necessario che tu richieda al padrone di casa se puoi procedere con questo genere di procedura. Nel contratto di affitto questa clausola deve essere ben presente affinché poi non si vengano a creare delle situazioni che possono essere dannose per la tua persona.

Inoltre, tieni presente che la persona con la quale intendi stipulare questo contratto deve avere delle ottime referenze e ogni eventuale problematica che la stessa crea all’interno dell’appartamento ricade su di te, ovvero sei il responsabile del comportamento adottato da parte di questo soggetto.

Ovviamente è bene che il nuovo inquilino e il proprietario dell’appartamento si conoscano e abbiano l’occasione di parlare almeno una volta, in maniera tale che tutte le eventuali problematiche possano essere totalmente rimosse e si possano evitare delle situazioni negative.

La creazione della prima parte del contratto di subaffitto

Quando devi creare il contratto di subaffitto devi necessariamente inserire i nomi delle parti in causa cercando di utilizzare i termini corretti, visto che si tratta di un contratto vero e proprio tra privati che deve essere poi firmato dalle parti in causa.
Pertanto la prima parte consiste nell’inserire il nome del locatario, ovvero il proprietario dell’appartamento, e quello del subaffittuario.

In questa deve essere presente la volontà del locatario di affittare il suo appartamento o casa al nuovo inquilino e il momento in cui questo accordo viene raggiunto: pertanto è fondamentale inserire anche la data relativa alla stipula dell’accordo tra le due parti in causa, dettaglio che non devi dimenticare.
Possibilmente inserisci anche la città dove vi trovate, in modo tale che il contratto sia percepito come maggiormente serio e si possano prevenire eventuali aspetti controversi.

Per creare un contratto che sia valido devi anche inserire la via dell’appartamento dove appunto si trova l’immobile: nel contratto deve inoltre essere specificato se il subaffittuario deve usufruire di tutto l’appartamento oppure se si limita a utilizzare una sola parte dello stesso come, per esempio, la sola stanza da letto e il bagno.
Bisogna sempre specificare anche questo dettaglio in maniera tale che tutte le informazioni essenziali siano presenti e si possano prevenire delle complicanze che possono invalidare il contratto.

Tra le altre informazioni fondamentali che devono essere inserite nel contratto devono necessariamente figurare la data di inizio e fine del contratto nonché la somma di denaro che deve essere versata dall’inquilino e allo stesso tempo la data ultima del pagamento.

Infine è bene anche inserire il deposito di locazione ed eventuali clausole aggiuntive che servono a fissare i vari punti che riguardano il contratto di subaffitto. Grazie a questa informazione il nuovo inquilino sa esattamente come deve comportarsi e quali sono le eventuali conseguenze alle quali va incontro nel momento in cui adotta un comportamento atto ad arrecare dei danni all’appartamento.

Inserite tutte queste informazioni è necessario inserire data e luogo della firma dell’inquilino e consegnare il contratto al locatario il quale, nel caso in cui accettasse queste condizioni, apporta la sua firma e rende valido il contratto.

Lascia un commento