Quale PC comprare per l’ufficio: desktop o notebook? Guida alla scelta

Acquistare un nuovo computer non è affatto una decisione semplice, infatti la moltitudine di modelli pre-assemblati presenti in commercio non ci rendono la scelta facile e spesso ci si ritrova sempre più disorientati su quale computer fa al caso nostro.

Una delle decisioni più ostiche da intraprendere è proprio la scelta tra un computer fisso e un computer portatile (notebook): insieme agli esperti di Pcgiusto.it vediamo le principali caratteristiche e differenze tra i due tipi, per aiutarti a capire quale può essere quello giusto per le esigenze dei tuoi dipendenti e collaboratori aziendali.

Cosa scegliere tra notebook e desktop? Dipende da cosa fate

Fino a pochi anni fa la scelta sembrava scontata, gli ambienti lavorativi in special modo gli uffici, erano stracolmi di computer fissi e solo in pochi utilizzavano il notebook. Col passare del tempo però le cose sono cambiate radicalmente, in quasi tutti gli ambienti lavorativi sono presenti notebook, rendendo obsoleto il caro e vecchio computer fisso. Non esiste però una differenza sostanziale tra i due, dipende molto dall’utilizzo che ne farete.

Se supponiamo che il computer debba essere usato per scopi lavorativi, allora la scelta più scontata ricade sul notebook, sia per la possibilità di portarlo in giro in un mondo in cui si è ampiamente sviluppato lo smartworking, sia per le sue performance che lo rendono veloce ed affidabile.

Al contrario un computer desktop è più indicato per chi ha uno specifico campo di utilizzo, che difficilmente potrebbe variare nel tempo. Infatti i computer desktop variano nel genere e nell’area di utilizzo, possiamo trovare computer desktop dedicati per il mondo del gaming, con elevate prestazioni grafiche, oppure computer desktop dedicati a chi ha bisogno di prestazioni estremamente elevate per far eseguire importanti software lavorativi. Insomma la comodità del computer desktop sta nella sua “modellabilità” nel campo in cui viene utilizzato. Inoltre le componenti hardware di un computer desktop possono essere facilmente modificabili a proprio piacimento, rendendolo personale e adatto ad ogni propria esigenza.

Un pc desktop schermo grande e hardware molto performante

Partiamo dalle basi, cos’è esattamente un computer desktop? Questo particolare modello di personal computer è stato pensato per poter rimanere fisso in una sola posizione, generalmente una scrivania. I computer desktop si differenziano per la loro tipologia e in commercio ne esistono di svariati, ma i più importanti sono:

  • Computer desktop preassemblati: si tratta di computer già assemblati da terzi e venduti completi di tutto nei vari locali commerciali.
  • Computer assemblati: si tratta di computer che vengono assemblati direttamente dal proprietario dello stesso in base alle esigenze di utilizzo.
  • Computer desktop all-in-one: particolari computer i quali componenti (processore, hardware, scheda madre, ecc.) risiedono all’interno del monitor.

Dopo aver elencato i principali modelli presenti sul mercato è doveroso spiegare anche le loro peculiari caratteristiche rispetto ai loro antagonisti, i notebook. Una delle caratteristiche di maggior rilievo è la possibilità da parte del proprietario di effettuare un “upgrade” al proprio computer, ovvero l’opportunità di aggiungere o sostituire componenti del proprio computer, senza dover per forza comprarne uno nuovo. Inoltre il computer desktop è sicuramente un computer professionale, è utilizzato da programmatori di software o da lavori d’ufficio particolarmente complessi visto le sue eccellenti performance di velocità e reattività.

Uno dei maggiori nemici riscontrati nell’utilizzo di un computer fisso è l’impossibilità di utilizzarlo senza corrente. Infatti a seguito di un blackout i computer fissi perdono tutto il lavoro svolto fino a quel momento. Un computer fisso infatti deve essere sempre costantemente connesso alla rete elettrica. Esistono però soluzioni alternative per ovviare a questa problematica, come l’adozione di batterie di riserva che al momento dell’assenza di corrente si attivano fornendo corrente di riserva al computer, consentendoti di portare a termine il tuo lavoro con totale tranquillità.

Notebook: portabilità e compattezza

Il notebook ha delle caratteristiche molto particolari, si è portatile si va in giro e si può lavora in qualsiasi posto.

Come detto in precedenza il notebook rappresenta il futuro dello smartworking, grazie alla sua praticità negli spostamenti sempre più contesti lavorativi stanno adottando l’utilizzo di computer portatili al posto dei vecchi computer fissi. Un’altro punto forte del notebook oltre alla sua praticità è la sua compattezza, infatti tutti i componenti operativi e il display sono racchiusi all’intero di uno spazio che prende la forma di un “libro”. Esistono diverse dimensioni e grandezza che differiscono dalla scelta estetica che il cliente deve affrontare,

Forse un punto a suo sfavore potrebbe essere la tastiera e lo schermo piccolo che dopo un po’ di ore di lavoro possono un po’ creare affaticamento, inoltre solitamente sono composti da una batteria removibile (anche se gli ultimi modelli hanno le batterie incorporate) che consente di caricare il computer portatile così da poterlo utilizzare anche senza filo.

Sono estremamente veloci e si adatta alla perfezione alla maggior parte dei lavori che svolge. Sono queste due caratteristiche che rendono la scelta del notebook, una delle scelte più ricorrenti nel mondo del lavoro e dello smartworking.

Lascia un commento