Investire oggi in Immobili – Conviene ancora?

Investimenti immobiliari: Convengono ancora?

Dal 2007, complice una crisi mondiale del mercato immobiliare, siamo convinti che non convenga più investire in immobili… ma se ti dicessimo che è una convinzione sbagliata?

Basta guardare le cose da un’altra prospettiva perché anche in tempo di crisi è possibile investire in immobili con successo. La casa è un bene primario, di cui non possiamo fare a meno: col passare del tempo cambiano le abitudini e le necessità, ma non il bisogno di avere un tetto sulla testa.

Acquistare una casa o prenderla in affitto, è dunque un passo necessario. Ma come?

Investire in immobili si può, se sappiamo come fare.

Quello che dobbiamo considerare, in linea di massima, è:

  • l’andamento del mercato
  • la zona giusta dove acquistare l’immobile
  • il prezzo, che sarebbe bene fosse più basso della media

Cosa stiamo cercando di dirti? Che investire in immobili è possibile e profittevole, in cui possiamo ancora guadagnare nonostante la crisi.

Business immobiliare – Conviene investire in immobili oggi?

La risposta è breve e concisa: sì. E questo per svariati motivi: prima di tutto gli immobili sono beni eterni, ne avremmo sempre bisogno e poi perché è proprio in tempi di crisi che alcuni fattori si muovono nella direzione di chi vuole investire.

Ecco 3 condizioni favorevoli:

I prezzi delle case sono bassi: la crisi che incombe dal 2007 ha abbassato notevolmente il prezzo degli immobili, rendendo più semplice l’acquisto rispetto a anni indietro. Pensate che, mediamente, le case si sono deprezzate di un buon 48% rispetto al 2005.
Questo significa che se vuoi investire nel mattone, sei in condizione favorevole perché spenderai molto meno rispetto a chi ha fatto questo investimento prima del 2007.
I prezzi bassi sono un’opportunità se si ha buon occhio per gli affari.

C’è un altro aspetto da considerare: i prezzi bassi spingono gli acquirenti a pensare che ci si trovi di fronte a una occasione da non perdere. Una condizione di crisi che per chi vuole investire è invece un’opportunità.

grafico-prezzi-case-2011-2016-istat

Andamento dell’indice dei prezzi delle case 2011 – 2016

Tassi di mutuo bassissimi: al giorno d’oggi accedere la mutuo è conveniente perché i tassi sono ai minimi storici e continuano a scendere. Cosa significa? Che investendo in un immobile oggi, avrai la possibilità sia di accedere al credito a un prezzo competitivo che di vendere facilmente perché anche il potenziale acquirente avrà la possibilità di accedere al mutuo con un tasso agevolato. Dopo la crisi del 2012, infatti, le banche hanno deciso di adottare nuovamente politiche creditizie meno severe e più accessibili per i loro clienti e potenziali tali.

grafico-tasso-euribor-mutui-2011-2016-istat

Andamento del tasso dei mutui ipotecari 2011 – 2016

Il mercato immobiliare è in ripresa: Non lo sapevi? Dal 2014 il mercato delle compravendite immobiliari è in crescita. Ecco un dato significativo: il mercato immobiliare è cresciuto del 8,6% nel primo trimestre del 2017, rispetto all’anno precedente e il trend è ancora in positivo. E questo trend positivo si rafforza nel settore residenziale.

Cosa significa? Che gli italiani credono ancora nel mattone e negli investimenti immobiliari, come testimonia questo grafico sulle compravendite dove è possibile vedere che dal 2014 il trend è di nuovo in crescita.

grafico-compravendita-case-1997-2015-istat

Andamento volume compravendite di immobili 1997-2015

Ecco quindi quali sono i 3 fattori che dimostrano che investire negli immobili è ancora possibile e profittevole. Lo conferma uno studio effettuato da Tecnocasa, in particolare dall’Ufficio Tecnico, che dichiara che nel secondo semestre del 2016, il 18,6% degli acquisti di immobili è stato eseguito con scopi diversi da quelli abitativi.

Insomma, investire nel mattone è ancora redditizio e lo sarà per molto tempo ancora.

Strategie utili per investire nel settore immobiliare

Ci sono stati periodi in cui l’investimento immobiliare era facile e redditizio, altri in cui era appannaggio solo di chi poteva muovere grandi capitali. Oggi, ci vuole molta intelligenza ed un sano intuito, ma anche con cifre in partenza contenute è possibile avviare un piccolo business o integrare il proprio tenore di vita a fronte di un esborso iniziale. Esistono dei consigli e delle regole di buon senso da seguire, il resto è tutto studio ed abilità personale:

Trova qualcuno che abbia fretta di vendere

In giro ci sono molte persone che, per ragioni individuali o necessità di liquidità immediata, hanno bisogno di vendere rapidamente il proprio immobile. Magari desiderano acquistare un’altra casa, stanno lasciando la città o il paese, oppure sono in una situazione economica complicata. Questi venditori saranno più propensi a trattare sul prezzo, se si trovano davanti un acquirente affidabile, solido e motivato. Davanti alla prospettiva di una transazione certa, potrebbero venirvi molto in contro sul prezzo.

Controlla le aste giudiziarie

Le aste giudiziarie immobiliari sono ottime occasioni per aggiudicarsi una casa ad un prezzo molto inferiore rispetto a quello di mercato (mediamente dal 20 al 30% in meno). La concorrenza è abbastanza alta, specie in zone “calde” ad alto margine di rendimento, ma non è detto che tu non riesca a fare qualche colpo interessante armandoti di pazienza ed attenzione. Gli immobili messi all’asta provengono spesso da un fallimento e possono dunque essere di tutti i tipi.

Trovare gli annunci non è sempre semplice, perchè vengono pubblicati dal tribunale solo parzialmente; puoi fare riferimento ai giornali locali, ai siti specializzati. Da qualche tempo è accessibile il Portale delle Vendite Pubbliche del Ministero. Quando partecipi ad un’asta giudiziaria dovrai fare un’offerta e depositare una caparra del 10%: attenzione, perchè se dovessi vincere l’asta ma decidessi di ritirarti perderesti interamente la caparra! Al contrario, chi non ottiene l’immobile riceve indietro interamente il proprio deposito.

Non improvvisare, pianifica l’affare

Lasciarsi trasportare da un’offerta apparentemente vantaggiosa senza meditare può condurre a gravi errori di calcolo. Tieni bene a mente il tuo investimento ideale, quando ti approcci ad un annuncio. Compri un immobile per metterlo a reddito tramite affitto o per rivenderlo? Se ritieni di doverlo o volerlo affittare, a che tipo di affitto stai pensando? Un affitto di lungo corso? Uno universitario? Uno turistico? Sceglilo in base alla destinazione di massima, stando attento non soltanto alla casa in sé ma anche alle attrattive circostanti. Quando acquisti per rivendere, domandati immediatamente se ci sono margini per rendere l’immobile più appetibile (ristrutturandolo, ad esempio) e realizzare un buon guadagno. Gli interrogativi da porsi sono molti, ma non di complessa gestione; basta attenersi ad una strategia lineare, senza colpi di testa.

Investi nelle quote immobiliari 

Molti pensano che, quando si tratta di investire nell’immobiliare, si parli esclusivamente di acquisti di case o appartamenti interi. In realtà non è così: per realizzare buoni affari ci si può concentrare anche sull’acquisizione di quote. Ma cosa sono le quote? Quando parliamo di quote, parliamo di co-proprietà, ovvero di immobili che non appartengono tutti al medesimo soggetto, ma sono divisi fra due o più proprietari.

Solitamente le quote sono il frutto di ripetuti passaggi ereditari, che portano la struttura ad avere tanti padroni senza alcun legame fra loro. Questo stato di cose è vantaggioso per chi desidera realizzare un buon investimento: molte persone, ritrovandosi co-proprietari di un bene da dividere con altri sconosciuti, iniziano a provare una certa insofferenza; vuoi per le spese di manutenzione, vuoi per il condominio, vuoi per le tasse, vuoi per la distanza, non hanno alcun desiderio di possedere una frazione di casa, non sanno cosa farci e pensano solo a come sbarazzarsene.

Qui entra in gioco l’investitore; chiaramente, quando si acquista una quota immobiliare lo si fa dopo accurata ricerca, sia sulla qualità del fabbricato, sia sugli altri proprietari. Spesso si ottiene la suddetta quota a prezzi bassissimi, molto al di sotto del valore di mercato, sfruttando la fretta ed il disinteresse di chi ambisce a disfarsene. A questo punto, si può tentare di acquisire altre quote dell’immobile o impegnarsi affinché l’intera casa venga venduta ad un buon prezzo, così che la parte da te percepita a fine transazione sia molto più alta del denaro che hai sborsato per la percentuale iniziale.

Nuovi mezzi per fare investimenti immobiliari: l’esempio di Housers

Internet ha sicuramente rivoluzionato il settore immobiliare. Non stiamo parlando solo di vendite ed affitti, è accaduto anche nell’ambito dell’investimento: sono nate nuove modalità di investire in immobili, più elastiche e flessibili, come il crowdfunding immobiliare. Il crowdfunding immobiliare permette di avvicinarsi a questo genere di affari anche disponendo di cifre molto piccole. Chiunque potrà diversificare il proprio portafoglio e integrare i propri guadagni. Uno dei più famosi portali online per il crowdfunding immobiliare è Housers.
Con Hoursers potrai investire in immobili in ben 4 modi diversi:

  • acquistando quote immobiliari di case libere o di case affittate;
  • investimenti di risparmio con rendimenti periodici mensili che si basano sull’affitto delle case di cui si possiedono quote;
  • investi a tasso fisso: il cliente investe una somma che viene utilizzata per fornire un prestito ad un investitore immobiliare che restituisce a 36 mesi la somma con gli interessi, realizzando un guadagno per il cliente;
  • opportunità di investimento equity, legati all’affitto e alla vendita, proponendo l’acquisto di quote.

Lascia un commento