Bitcoin: tutto ciò che c’è da sapere sulla famosa valuta virtuale

Il Bitcoin è una moneta virtuale, ovvero che non viene stampata, ma che viene creata, distribuita e scambiata virtualmente, attraverso i computer, e con una tecnologia peer to peer. Vediamo in dettaglio di cosa si tratta.

Come funzionano i Bitcoin?

Cominciamo con le basi.
Ci sono tre tipi di persone in questo mondo: il produttore, il consumatore e l’intermediario. Se vuoi vendere un libro su Amazon, devi pagare una commissione del 40-50%. Questo è lo stesso in quasi tutti i settori! L’intermediario prende sempre una grande parte dei soldi del produttore.

Per capire cosa sono i Bitcoin, è importante sapere perché sono stati creati. Il bitcoin è stato inventato per rimuovere un intermediario: le banche. Se devi trasferire 5000 euro dal tuo paese al tuo amico nel Regno Unito, il denaro deve passare attraverso una banca del tuo paese, che tratterrà una parte dell’importo. Una volta che il denaro raggiunge la banca nel Regno Unito, anche la banca del tuo amico addebiterà una commissione.

Il problema non sono solo le tariffe, ma i molti dati privati sui propri clienti che memorizzano. Molte banche sono state violate negli ultimi 10 anni, il che è molto pericoloso per le persone che utilizzano quelle banche. Ecco perché è importante capire come funziona Bitcoin.
Chi ha creato i Bitcoin? Il creatore dei Bitcoin è sconosciuto. Il nome che ha usato è Satoshi Nakamoto, ma è un nome falso e nessuno sa chi sia il vero creatore.

Informazioni importanti sui Bitcoin

Il creatore dei Bitcoin ha creato tre concetti principali per i Bitcoin che sono essenziali per comprendere i principi dei Bitcoin:

  • Crittografia
  • Domanda e offerta
  • Reti decentralizzate

Esploriamo ogni concetto un po ‘più da vicino.

Reti decentralizzate

Quando accedi al tuo browser Internet e digiti “www.google.com”, il tuo computer avvia una conversazione con i computer di Google. Quindi, entrambi i computer iniziano a parlare tra loro e il tuo browser mostra immagini, pulsanti e così via. Se i server di Google fossero inattivi per qualche motivo, non saresti in grado di vedere queste immagini e questi pulsanti. Questo perché i dati sono archiviati su una rete centralizzata: sono in un unico posto.

Per capire come funziona Bitcoin, è essenziale capire cos’è una rete decentralizzata. In una rete decentralizzata, i dati sono ovunque. Se Google utilizzasse una rete decentralizzata, saresti comunque in grado di vedere i dati, perché sono ovunque e non solo in un posto. Ciò significa che Google non andrebbe mai offline!

Crittografia

Nella seconda guerra mondiale, la crittografia è stata utilizzata molto. La si utilizzava per convertire i messaggi radio in codice che nessuno poteva decifrare. Per leggere il messaggio, si sarebbe dovuto riconvertire il messaggio originale. Per farlo, avevi bisogno di una chiave composta da formule matematiche.

I bitcoin utilizzano la crittografia allo stesso modo. Invece di convertire i messaggi radio, i Bitcoin utilizzano la crittografia per convertire i dati delle transazioni. Ecco perché il Bitcoin è una criptovaluta. Bitcoin lo fa utilizzando la blockchain, inventata dal creatore di bitcoin.

Domanda e offerta

La scorsa settimana, quando John è andato al panificio, è rimasta solo una torta. Anche altre quattro persone lo volevano. Normalmente, la torta costa solo 2 euro. Ma poiché altre 4 persone volevano la torta, ha dovuto pagare 10 euro per averla.

Questo è il concetto principale di domanda e offerta: quando qualcosa è limitato, ha più valore. Più persone lo desiderano, più il prezzo salirà. Lo stesso vale per rare auto d’epoca.
Il bitcoin utilizza questo stesso concetto. La fornitura di Bitcoin è limitata. Il bitcoin viene prodotto a un tasso fisso, che diminuirà nel tempo: si dimezza ogni quattro anni. Bitcoin ha un limite di 21 milioni di monete; una volta che ci saranno 21 milioni di Bitcoin, non sarà possibile creare più monete. Quanti Bitcoin ci sono al momento? Attualmente, sono stati creati all’incirca 19 milioni di Bitcoin.

Come avvengono le transazioni?

Per registrare le transazioni, dobbiamo inserirle in un database (come un foglio Excel).
Questo normalmente sarebbe archiviato in una rete centralizzata. Ma poiché Bitcoin utilizza una rete decentralizzata, il database Bitcoin è condiviso. Questo database condiviso è noto come registro distribuito e vi si accede utilizzando la blockchain.

Per inviare Bitcoin a qualcuno, è necessario firmare digitalmente un messaggio che dice: “Mando 50 Bitcoin a (Nome della persona)”. Il messaggio verrà quindi trasmesso a tutti i computer della rete, che lo memorizzano nel registro.

Quando crei un portafoglio Bitcoin (per memorizzare il tuo Bitcoin), ricevi una chiave pubblica e una chiave privata. Le chiavi pubbliche e le chiavi private sono un insieme di numeri e lettere; sono come il tuo nome utente e password. Entrambi sono molto importanti per capire veramente come funziona Bitcoin.
Le persone hanno bisogno della tua chiave pubblica se vogliono inviarti denaro. Poiché è solo un insieme di numeri e cifre, nessuno ha bisogno di conoscere il tuo nome o indirizzo email. Questo rende gli utenti Bitcoin anonimi.

Come funzionano i Bitcoin: la chiave privata del portafoglio Blockchain

Per quanto riguarda la tua chiave privata, non dovresti mai farla vedere a nessuno. Sulla blockchain, la tua chiave privata è la tua identità. Utilizzi la tua chiave privata per accedere ai tuoi Bitcoin. Se qualcuno dovesse scoprirla, potrebbe rubare tutti i tuoi bitcoin!
Quindi, tecnicamente, la tua identità può essere falsificata. Se qualcuno ottiene la tua chiave privata, può usarla per inviare Bitcoin dal tuo portafoglio al proprio portafoglio. Questo è il motivo per cui devi mantenere la tua chiave privata molto al sicuro.
Tuttavia, la tua vera identità (nome, indirizzo, ecc.) non può essere falsificata, perché non è necessario utilizzarla per inviare o ricevere Bitcoin.

Si possonoo spendere Bitcoin due volte?

Le transazioni Bitcoin sono raggruppate e archiviate in blocchi. Questi blocchi sono collegati tra loro in una serie. Questo è il motivo per cui si chiama blockchain.
Ogni transazione nel blocco ha una chiave pubblica scritta su di essa. Se è il tuo Bitcoin, sarà la tua chiave privata scritta su di esso. Poiché ogni blocco è collegato al blocco precedente, nessun Bitcoin può essere speso due volte.

Capiamo come funziona Bitcoin con alcuni esempi di vita reale. Se qualcuno provasse a inviare lo stesso Bitcoin due volte, ecco cosa succederebbe:

  • David invia a John un Bitcoin
  • La transazione è archiviata in un blocco sulla blockchain;
  • Il giorno successivo, David cerca di inviare lo stesso Bitcoin a qualcun altro;
  • La transazione Bitcoin entra nel blocco corrente sulla blockchain;
  • I computer che eseguono la blockchain controllano l’ultimo blocco in cui è stato utilizzato il Bitcoin;
  • Nell’ultimo blocco in cui è stato utilizzato il Bitcoin, la transazione dice che il Bitcoin è stato inviato alla chiave pubblica di John.
  • Poiché non è la chiave pubblica di John che si trova sul Bitcoin che viene inviato nel blocco corrente, i computer che eseguono la blockchain non consentono che il Bitcoin venga utilizzato.

E se qualcuno cercasse di manomettere i blocchi?

Se qualcuno tenta di modificare i dati della transazione in uno dei blocchi, lo cambierà solo nella propria versione, proprio come un documento di Microsoft Word archiviato sul tuo computer.
Questo è uno degli elementi chiave di come funziona Bitcoin. Per fare in modo che la modifica vada nel database condiviso in modo che sia sulla versione di tutti, dovranno controllarla il 51% dei computer nella rete.

E se qualcuno controllasse il 51% dei computer in rete? Questo è tecnicamente possibile, ma è quasi impossibile da ottenere. Anche se qualcuno avesse violato il 51% dei computer nella rete (noti anche come nodi), c’è un altro livello di sicurezza che si frapporrebbe.
Per aggiungere nuovi blocchi alla blockchain, questi devono essere estratti. Questo processo è chiamato mining perché i nodi che lo fanno vengono premiati con Bitcoin, come i minatori d’oro che vengono premiati con l’oro.

Nel mining, i nodi devono elaborare le transazioni Bitcoin e verificare che siano reali. Per fare ciò, devono risolvere un problema matematico. Quando il problema è risolto, il blocco delle transazioni viene verificato e viene creato un nuovo blocco. Ogni blocco ha un nuovo problema e una nuova soluzione che i minatori possono trovare.
La prima persona che risolve questo problema ottiene nuovi Bitcoin.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi dei Bitcoin?

Probabilmente hai già capito quali sono la maggior parte dei vantaggi di Bitcoin. Tuttavia, non abbiamo parlato molto degli svantaggi.
Parliamo nuovamente dei vantaggi dei bitcoin, poi parliamo degli svantaggi.

Vantaggi dei Bitcoin

  • I pagamenti internazionali sono molto più veloci delle banche;
  • Le tariffe sono basse;
  • Blockchain – quasi impossibile da hackerare;
  • Decentrato – non può essere spento in un unico punto;
  • Trasparente: non devi fidarti di nessuno perché tutto è trasparente;
  • Anonimo: non è necessario utilizzare il tuo nome;
  • Le commissioni sono condivise invece di andare a un singolo utente (ad esempio una banca o PayPal);
  • Nessuna verifica per i nuovi utenti: chiunque può usare i bitcoin.

Un altro elemento chiave di come funziona Bitcoin è che chiunque, in qualsiasi parte del mondo, può inviare denaro a qualcun altro. Non esiste un processo KYC (Know-Your-Customer): non è necessario utilizzare il documento per aprire un portafoglio Bitcoin.
Come funziona Bitcoin: accesso alla banca mobile.
Con una banca, devi usare il tuo ID quando richiedi un account. Per questo motivo, centinaia di milioni di persone in tutto il mondo non hanno conti bancari. Questo è invece possibile con i bitcoin. Se desideri inviare un pagamento internazionale, normalmente ci vorranno più di 3 giorni con la tua banca e ti costerà una commissione di circa $ 10-15 o più. È diverso in ogni paese, ma è comunque costoso e richiede molto tempo.
Se effettui il pagamento utilizzando Bitcoin, ci vorranno solo circa 10 minuti. A volte ci vuole più tempo (fino a un’ora o più), ma è comunque molto più veloce dei 3+ giorni che le banche impiegano. La tariffa per Bitcoin cambia spesso e gli sviluppatori stanno cercando di mantenerla il più bassa possibile. Al momento (è di circa 3 euro.
È molto più economico perché non ci sono intermediari (banche, PayPal, ecc.) da pagare.

Svantaggi dei Bitcoin

Ora, diamo un’occhiata ai difetti di Bitcoin.

  • L’estrazione utilizza molta elettricità;
  • Non è veloce come altre criptovalute;
  • Le tariffe cambiano molto;
  • Anonimo: utilizzato illegalmente;
  • Difficile da usare

Bitcoin è iniziato nel 2009. Da allora, sono state create molte criptovalute più recenti che sono molto più veloci di Bitcoin. Inoltre, le commissioni di Bitcoin a volte sono aumentate fino a 28 euro!
Le commissioni sono aumentate perché la popolarità di Bitcoin era troppo alta per la rete Bitcoin da affrontare: c’erano troppe persone che lo utilizzavano. Questo è qualcosa che gli sviluppatori di Bitcoin stanno cercando di migliorare e, finora, sembra star funzionando.
Lo svantaggio di come funziona Bitcoin è che necessita di chiavi private, chiavi pubbliche, apertura e utilizzo di un portafoglio, ecc. Non è molto facile per le persone che non hanno fiducia nell’uso dei computer. Quando vuoi inviare un pagamento a qualcuno, devi digitare una lunga serie di numeri e lettere (la loro chiave pubblica) nel tuo computer.

È come quando i browser Internet sono stati avviati per la prima volta: dovevi digitare un numero lungo nella barra degli indirizzi. Successivamente, gli indirizzi (www.) Che usiamo oggi lo hanno sostituito. Bitcoin deve diventare facile da usare in modo che tutti nel mondo possano usarlo, proprio come lo è la navigazione in Internet.
Inoltre, i costi dell’elettricità per l’estrazione sono elevati. I minatori vengono premiati con Bitcoin, quindi continuano a realizzare un profitto. Tuttavia, l’elettricità utilizzata dai minatori è molto dannosa per l’ambiente.

Altre criptovalute, come NEO e Lisk, utilizzano un sistema di mining diverso che utilizza molta meno elettricità. Questo sistema è chiamato PoS (Proof-of-Stake).
Nel sistema di Bitcoin, il minatore che verifica per primo il blocco è quello che viene premiato con i Bitcoin. Questo sistema è chiamato PoW (Proof-of-Work). È come una gara. Tutti i minatori lavorano contemporaneamente sullo stesso blocco, cercando di vincere la gara. Ciò significa che tutti i minatori utilizzano l’elettricità su ogni blocco creato.
In PoS, solo un minatore può estrarre il blocco. Quando viene creato il blocco successivo, viene scelto un altro minatore per estrarlo. In questo modo, c’è solo un minatore che usa l’elettricità su ogni blocco. È molto più economico e migliore per l’ambiente!

Uno dei lati più oscuri di come funziona Bitcoin è che non devi usare la tua identità. Potresti aver sentito parlare di qualcosa chiamato Silk Road. Era un mercato sul dark web, una parte anonima di Internet che deve essere aperta utilizzando un browser speciale.

Su Silk Road, si potevano comprare molte cose illegali e per pagare venivano utilizzati i Bitcoin. Questo è stato molto negativo per Bitcoin e alcuni governi hanno cercato di vietare la criptovaluta per questo motivo. È il più grande esempio di come si possa abusare di Bitcoin, anche se il crimine può accadere con tutte le valute.

Come si acquistano i Bitcoin?

Ci sono tre opzioni principali.

  • Scambi

Questo è il modo più semplice, ma normalmente devi usare la tua identità. Ciò significa utilizzare il tuo nome, indirizzo e passaporto o patente di guida. Le commissioni per gli scambi normalmente costano tra l’1-5%, ma dipende da tanti fattori.
La cosa positiva è che puoi pagare tramite bonifico bancario, carta di debito e credito e persino PayPal.
Questo metodo equivale ad andare da un agente di viaggio per convertire la tua valuta locale in una valuta estera (come USD in JPY, per esempio).

  • Scambi P2P (peer-to-peer)

Questi sono come gli scambi di cui sopra, ma non utilizzano un intermediario: non esiste un broker. Ad esempio, Luca può inviare denaro ad Anna e Anna invierà a Giacomo un po’ di Bitcoin. Non esiste un broker, quindi non si pagano commissioni!
Anna dovrà comunque pagare il Bitcoin perché gli scambi P2P utilizzano un servizio di deposito a garanzia. Quando Giacomo chiede ad Anna il Bitcoin, il Bitcoin viene inviato in deposito. Quando Giacomo paga Anna, il deposito a garanzia invia a Anna i suoi soldi.

Alcuni venditori su scambi P2P chiederanno un ID, ma altri non lo faranno. Quindi, è possibile utilizzare gli scambi P2P per acquistare Bitcoin in modo anonimo. Puoi anche pagare in contanti.

  • Bancomat Bitcoin

Questo è il modo meno comune per acquistare Bitcoin. Non ci sono molti bancomat Bitcoin nel mondo, quindi dovrai verificare che ce ne sia uno vicino a te. Se c’è, puoi andare lì e acquistare Bitcoin usando contanti, ma le commissioni sono costose, e di solito equivalgono al 5-10%.
L’invenzione di Bitcoin è solo l’inizio. Alcune persone utilizzano Bitcoin e altre criptovalute al posto delle banche, ma non ha ancora completamente sostituito le banche. Vedremo cosa ci riservano i bitcoin in futuro!

Lascia un commento